mercoledì 22 gennaio 2014

Questa abita in una casa di marzapane.
E' l'unica che, quando ha tirato su il telefono, Samara si è sbrigata a dire "scusi, ho sbagliato".

Avete presente Mara Maionchi incazzata?
L'ha fatta incazzare lei.

Entra in negozio ed il pianto dei bambini supera anche il nitrire dei cavalli.
"C'è mica qualche stronzo che lavora, qui dentro?"

E lo dice mentre sto spiegando il funzionamento di una lavatrice, il direttore sta programmando un televisore, Emanuele sta facendo sei cose contemporaneamente e perfino Cicciacassiera, presa in un momento di grazia, sta inserendo una pratica di finanziamento.
Credo anche gli acari presenti in negozio, stiano facendo qualcosa di costruttivo.

Io non vorrei, sì vorrei ma, se vuoi.
Giro di sguardi tra di noi. 
Parte il tombolone mentale per stabilire a chi tocchi.
Herr Direktor tira "Vi straccio le ferie" e fa ambo.
Cicciacassiera lancia "Io m ne fotto e lo sapete" realizzando il terno.
Cicciotivvù mette i fagioli su "Io sò scemo, lo sapete, che ce parlo a fà". Quaterna.
Emanuele è troppo indaffarato anche solo per formulare un pensiero coerente che, comunque, sarebbe "io ce litigo" che vuole dire cinquina.
Cosocurioso fa tombola dicendo "ma sì, du colpi se li meriterebbe pure" e le si avvicina sorridendo.

Prima che possa aprire bocca, lo fa lei.
"Che cazzo ha da ridere?"

"Paolo, tombolino tuo, io c'ho provato"

Lascio i signori Buttafuoco a cercare di spiegarsi l'un l'altro perchè la lavatrice che hanno scelto, si rifiuti di fare al centrifuga a 1200 giri per i delicati. 
Signori, ste orecchie hanno sentito "...delicati, delicati, delicati er cazzo, smetti de comprà la robba dai cinesi e vedi che la strizzi come te pare"

Comunque.

Mentre vado verso la signora, la sento parlare al telefono
"...quante volte te lo devo dire, fidati di nonna, mamma e papà non ti hanno mai voluto, adesso levati dalle palle che c'ho da fà..."

"buonasera signora"

Mi radiografa, mi risuona magneticamente, mi TACca.
Sono stato pesato.
Sono stato misurato.
E sono stato trovato mancante.
Mi guarda come si fa con gli scarabei stercorari che, dopo un'ora di lavoro, hanno modellato un cubo.

"lei lavora qui?"

Mi guardo la felpa Leonix, il laccetto delle chiavi Leonix, il sorriso tipico di chi gioca ad hockey in bianco e nero sul soffitto di negozio, di chi la sfanga quasi fino all'ultimo ad un'invasione zombi, di uno Steve Carell poco avvezzo alle umane cose fino ai 40 o del figlio di Satana con un contratto da saldare.
Urlo commesso da tutti i pori.

"Saltuariamente. Uso questo negozio come copertura".
La penso brutta. Ma brutta. Non resisto. Invio onde medianiche come nemmeno il miglior Uri Geller. Ti prego, fammelo dire.

"Copertura per cosa?"

Dai che sta arrivando, dai che arriva.
Avevi 8 in Telepatia al liceo, l'unico che sceglie sempre Xavier ad Uncunny X-Men della Capcom, sapevi chi ti avrebbero detto "no" anche prima di provarci.
Oddio, era facile.
Tutte.

Ma è un altro discorso.

"Per la mia vera identità, signora"

Ci pensa, forse me la sono giocata troppo sporca, l'ha capito che qualcosa non andava, dai, faccia da poker, deve pensare che bluffi, non hai niente in mano, forza forza forza guarda come è appetitoso quell'amo.

"La tua identità? E chi stracazzo saresti?"

La guardo.
Beffardo ma riconoscente.
E quanno me ricapita.

Allargo le braccia e, con voce cupa

"SONO BATMAN"

Leonix Italia, Reparto Sessanta Salve Di Cannone Al Tavolo 12, ore 18,00

p.s. Una cazzata ne fa più di una pallottola. 
Chiaramente la telefonata della signora non ha mai avuto luogo, tutto il resto, parolacce ed espressioni cattive, sì. Con queste persone, se rispondi al loro livello, ti fai il sangue cattivo e non vendi un cacchio. Certo, non sempre si riesce a fare i cazzoni e capita, più di quanto uno vorrebbe, di perdere le staffe.

La signora mi ha guardato, ha leggermente increspato le labbra in quello che poteva essere considerato l'accenno di un sorriso, mi ha preso il braccio e fatta accompagnare verso i frigoriferi.
Va in consegna domani.
(Lo dico perchè siete fissati per i finali, gentaccia che segue i porno fino alla fine per vedere quando si sposano)

Nessun commento:

Posta un commento